Appgratis eliminato da Apple Store: Motivazioni confermate

Come saprete, AppGratis è stato eliminato dallo Store di Apple,

       

Appgratis

si trattava di un’applicazione che stava diventando molto popolare nell’ultimo periodo. La motivazione è molto chiara li per se, ma nonostante questo Tim Cook è voluto intervenire di persona per spiegare a tutti il motivo di questa eliminazione. Secondo la società di Cupertino, AppGratis veniva utilizzata per pubblicizzare giochi e applicazioni prodotti dagli stessi sviluppatori dell’app, e questo violava le linee guida di Apple, in riferimento alla clausola 2.25.

In pratica questa clausola vieta agli sviluppatori di rilasciare app con il solo scopo di pubblicizzare l’acquisto di altre applicazioni, in pratica con il metodo utilizzato dalla stessa Apple Store.
La domanda che sorge spontanea è: perché AppGratis è stata eliminata dallo Store mentre le altre app presenti che si basano sullo stesso modus operandi sono ancora “in vita”? Ci riferiamo ad applicazioni come “FreeAppADay” e “AppODay”, che risultano tuttora disponibili su Apple Store.

La spiegazione, portata avanti da PocketGamer.biz, può essere riassunta nella popolarità che AppGratis stava riscuotendo nell’ultimo periodo, cifre tali che la Apple è dovuta intervenire in maniera tempestiva: evidentemente le due app sopradescritte non preoccupano al momento la società di Cupertino. Ricordiamo che AppGratis violava un’altra clausola, precisamente la 5.6, ovvero quella che vieta agli sviluppatori di utilizzare notifiche push per l’invio di pubblicità o promozioni.

Secondo PocketGamer.biz, sono ancora molte le app presenti su Apple Store che violano queste clausole, vedremo se la Apple prenderà provvedimenti immediati, così da bloccare il problema sul nascere.